www.orta.net

english, please  

il lago d'orta il più romantico dei laghi italiani

 INFORMAZIONI

stor.gif (2601 byte)

dot_b.gif (48 byte)home
dot_b.gif (48 byte)
foto
dot_b.gif (48 byte) storia
dot_b.gif (48 byte) musei
dot_b.gif (48 byte) isola di san giulio
dot_b.gif (48 byte) l'ambone
dot_b.gif (48 byte) sacro monte
dot_b.gif (48 byte) attività
dot_b.gif (48 byte) cucina
dot_b.gif (48 byte) orta s.g. a piedi
dot_b.gif (48 byte) mappa turistica
dot_b.gif (48 byte) mirabilia
dot_b.gif (48 byte) tour virtuale

varia

dot_b.gif (48 byte) nietzsche a orta
dot_b.gif (48 byte) arte sul lago
dot_b.gif (48 byte) ballatella
dot_b.gif (48 byte) e. ragazzoni
dot_b.gif (48 byte) paesi di lago
dot_b.gif (48 byte) sentieri di lago
dot_b.gif (48 byte) anello azzurro
dot_b.gif (48 byte) turismo insolito

dot_b.gif (48 byte) filmografia
dot_b.gif (48 byte) pagine sul lago

dot_b.gif (48 byte) video RAI
dot_b.gif (48 byte) vostri video
dot_b.gif (48 byte) webcam
   update.gif (395 byte)

 TURISMO

dot_b.gif (48 byte)hotel ristoranti
dot_b.gif (48 byte) campeggi
dot_b.gif (48 byte) appartamenti
dot_b.gif (48 byte) wine bar
dot_b.gif (48 byte) spiagge
dot_b.gif (48 byte) shopping
dot_b.gif (48 byte) agenzie immobil.
dot_b.gif (48 byte) motoscafi
dot_b.gif (48 byte) autonoleggio
dot_b.gif (48 byte) noleggio barche
arrow_1.gif (211 byte) free camper

dot_b.gif (48 byte) luoghi da vedere
dot_b.gif (48 byte) fond. calderara
dot_b.gif (48 byte) ecomuseo
dot_b.gif (48 byte) asilo bianco

dot_b.gif (48 byte) libri sul lago
arrow_1.gif (211 byte) invia cartolina!
arrow_1.gif (211 byte) scrivi su orta
arrow_1.gif (211 byte) sfondi pc di orta
arrow_1.gif (211 byte) sposarsi a Orta
arrow_1.gif (211 byte) visite guidate

dot_b.gif (48 byte) luoghi abbandonati

 

Si pensa che i primi abitanti della Riviera di San Giulio siano stati i Liguri, poi in seguito si ebbe un influsso celtico sovrapposto a quello ligure.
I popoli della Riviera furono poi assoggettati dai Galli e sopravvennero i Romani. Durante la dominazione di questi, la regione cusiana doveva essere poco abitata; esisteva probabilmente solo qualche stazione militare. Sulle invasioni barbariche non si sa praticamente nulla.
Le più antiche notizie letterarie relative all'isola di San Giulio sono riferite ad un distico del vescovo/poeta di Pavia Ennodio, che loda la sicurezza del castello fatto costruire nell'isola del vescovo di Novara Onorato, morto sul finire del V sec.

Nella sua Storia dei Longobardi Paolo Diacono narra le vicende di Mimulfo duca dell'Isola di San Giulio che tradì il suo re Agilulfo, vendendosi ai Franchi di Childerico e permettendo loro di transitare dal Sempione. Agilulfo condannò alla decapitazione il duca traditore, di cui fu trovato, sul finire del Seicento, il cadavere inumato in un basamento di colonna, che oggi funge, in basilica, da cassetta per le elemosina.

Alcune fonti di carattere archeologico ci rimandano all'Alto Medioevo: si tratta di una lastra tombale rinvenuta durante gli scavi effettuati su ordine del vescovo Visconti nel 1697, sulla quale era inciso l'epitafio del vescovo di Novara Filakrio, morto all'isola ed ivi sepolto nel dicembre del 553; e del risultato di importanti scavi effettuati nella basilica di S. Giulio nel 1982, da cui emersero le fondamenta di un edificio religioso databile al V sec., nonchè una lastra tombale con incisi pavoni e datteri ed alcune tarsi di pasta vitrea databili all'inizio del V sec. Pertanto questi dati si collegano con la leggenda di S. Giulio e Giuliano, i due missionari greci che evangelizzarono la zona, secondo la tradizione, sul finire del III sec.

L'isola fu dunque sede di un duca longobardo, pertanto la Riviera di S. Giulio seguì le vicende di questo popolo fino al suo scontro con il regno franco. Divenuta parte dell'Impero Carolingio, il Cusio fece giuridicamente parte del comitato di Pombia, seguendone le sorti. Nella seconda metà del sec. IX si sfascia l'Impero Carolingio e sorgono i grandi feudatari, in lotta tra di loro. Dopo la divisione dell'Impero Franco, dovuta al crollo della dinastia carolingia, numerosi feudatari italiani e non, tentarono di cingersi il capo con la corona ferrea, simbolo del potere degli antichi re longobardi. In questo periodo i vescovi acquistarono potenza e autorità, muovendosi con abilità, approfittando dello sfaldamento dell'impero per colmare il vuoto di potere che si era creato.

 

_____

 

 

 

 

 

 


 

 

 

f

Nel 950 sono anche in lotta Berengario II assieme con il figlio Adalberto contro i vescovi e la Chiesa. Nel 957 ritroviamo Berengario nell'isola di S. Giulio trasformata ormai in fortezza quando, in lotta con l'imperatore tedesco Ottone I per il trono d'Italia, vi si rinchiuse con il figlio e subì un assedio di due mesi da parte di Litolfo, figlio di Ottone. Nel 962, Ottone in persona si mosse contro Berengario, sconfitto ma non domato, che andò ad asserragliarsi nella Rocca di S. Leo nel Ducato di Spoleto, mentre sull'Isola di S. Giulio sbarcava la Regina Willa con i tesori prelevati dal Palazzo Reale di Pavia e faceva restaurare le fortificazioni. Willa si arrese dopo uno storico assedio, Ottone si dimostrò particolarmente mite con gli sconfitti e con lei, lasciandola libera di raggiungere suo marito. Ottone, con diploma del 29 luglio 962, dona ai canonici di S. Giulio - potente istituzione ecclesiastica che vedeva riuniti attorno ad un sacerdote preposito, un gruppo di altri sacerdoti che officiavano la basilica - due corti con diverse fattorie, mulini, servi e diritti vari ad Agrate e a Barazzola. In questo periodo non si può ancora parlare di potere temporale del vescovo di Novara sulla terra di S. Giulio, fino ai primi anni del Mille il vescovo possiede molte terre, ma nessuna giurisdizione sul territorio. Solo nei primi anni del nuovo millennio riuscì a farsi riconoscere dagli imperatori di Sassonia e Franconia alcuni diritti di tipo civile, fino ad ottenere, dopo varie lotte con i signori locali, la giurisdizione sulla terra di S. Giulio: siamo nel 1219, e da quell'anno si può far datare il sorgere dello stato episcopale che durò fino alla fine del sec. XVIII, con una ripresa dopo il Congresso di Vienna e la definitiva cessione del potere ai Savoia nel 1817.

Come abbiamo visto, nel 962 Willa, moglie del re d'Italia Berengario II, re ribelle aspirando a crearsi un regno autonomo e indipendente da quello imperiale, si rinchiuse nell'isola con il tesoro reale. Ottone prese la decisione di farla finita una volta per tutte con la ribellione di questo personaggio e di sua moglie. Ordinò l'assedio dell'isola occupata da Willa. Ed è proprio in mezzo a questo vortice guerriero che la moglie di Roberto di Volpiano, luogotente della regina Willa, diede alla luce il suo quarto figlio, il grande abate Guglielmo di Volpiano. Monaco dell'ordine dei Benedettini, abate di ben quaranta monasteri che riformò e ricostruì, egli portò un soffio nuovo nell'Europa medioevale. Fu nel Medioevo una delle più importanti figure della vita religiosa e della cultura artistica dell'occidente cristiano a cavallo dell'anno Mille; dapprima monaco a Lucedio (Vercelli), quindi amico e seguace degli abati di Cluny, sulla cui consuetudine maturò una riforma applicata ai monasteri da lui fondati, cioè quella di porre sotto la diretta giurisdizione pontificia le fondazioni, svincolandole dai poteri dei vari signori del luogo, fu a Digione dove ha costruito una delle più importanti abbazie del primo romanico, quella di San Benigno con la sua celebre rotonda e la sua cripta anulare.

mimulfo.jpg (9226 byte)

Agilulfo, cassetta per le elemosina.
Basilica di S. Giulio (vedi sopra)

volpiano.jpg (5628 byte)

continua